11 giu 2013
giugno 11, 2013

Tinca al forno & Franciacorta

http://gusto.giornaledibrescia.it/recipes/view/644

Tempo di preparazione
30 min
Difficoltà
media
INGREDIENTI

Per 4 persone:

  • 1 tinca d 2 kg
  • 500g pane raffermo
  • 80g foglie prezzemolo
  • 200g burro fuso
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 foglie di alloro
  • 500g polenta
  • sale e pepe
PREPARAZIONE

Sfilettare la tinca, ovvero aprendola, togliendo la lisca centrale e tutte le lische che emergeranno dalla carne, per liberare i due filetti (se non ve la sentite sappiate che il vostro fornitore di fiducia potrà farlo senza fatica).
Quindi aprire a libro i filetti ottenuti. A parte frullare il pane, formaggio, prezzemolo aglio alloro sale e pepe. Dividere il composto in due parti uguali e in una sola parte aggiungervi 100g di burro. Stendere i filetti di tinca e farcirli con la panure contenente il burro, arrotolarli e fissarli con uno stuzzicadenti.

Fondere il restante burro, passarvi i filetti arrotolati e tuffarli nella panatura senza burro. Infornare la tinca a 190°C per 15 minuti. Una volta pronta la tinca tagliarla a rotolini per servirli sulla polenta, condendo il tutto con il burroso fondo di cottura della medesima preparazione.

Info e curiosità: Se, per assurdo, questo pesce si trasformasse in un essere umano non potrebbe che diventare una elegante e bella signora dalle forme abbondanti e movenze sensuali, con atteggiamenti un po’ snob.

Molti sostengono che sia autoctona cioè vivente nelle acque della nostra penisola fin dagli albori delle sue origini, ma qualcuno pensa che sia arrivata in Italia dall’oriente ai tempi dei romani come la carpa. Di sicuro è stata introdotta in Sicilia e Sardegna.

IL NOSTRO ABBINAMENTO: